“Biennale della prossimità”: 4 giorni all’insegna del confronto e della condivisione

postato in: Eventi | 0
Di Redattore Sociale
“Biennale della prossimità”: 4 giorni all’insegna del confronto e della
condivisione.
Bologna, che ha visto nascere i primi Patti di collaborazione, ospita la seconda edizione della Biennale delle prossimità. Pozzi (Open Group): “Prossimità è tutto quello che ci fa stare meglio, sono le relazioni che fanno stare bene le persone”.
Dal 15 al 18 giugno
12 giugno 2017 – 12:24
BOLOGNA – Andare incontro ai bisogni delle comunità locali per far nascere nuove relazioni virtuose e valorizzare sia i soggetti coinvolti sia il territorio: la Biennale della Prossimità porterà a Bologna (15-18 giugno) il confronto tra operatori e cittadini, riunendo più di 100 associazioni provenienti da tutta Italia.
La Rete Nazionale per la Prossimità comprende numerose organizzazioni che operano sul territorio con l’obiettivo di promuovere la cittadinanza attiva e il protagonismo delle persone,oltre che dei territori, cercando di dare voce a bisogni non inquadrati dalla burocrazia.
Rigenerazione urbana, cultura, solidarietà sono alcuni dei temi di cui si occuperà la Biennale,nella sua seconda edizione, una manifestazione frutto di un percorso collettivo, come racconta Caterina Pozzi, amministratrice delegata di Open Group, uno dei promotori. “Abbiamo partecipato all’edizione di Genova e poi abbiamo aderito alla rete nazionale – dice Pozzi – la Biennale è un percorso costruito insieme, tra realtà del privato sociale, per confrontarsi sull’organizzazione e su cosa significa per noi prossimità. Su Bologna, la manifestazione vede Terzo settore e cittadini avvicinarsi molto. Ci saranno tanti momenti da vivere insieme, come la Cena di strada che metterà insieme diverse realtà, il comitato dei cittadini di via Torleone, che
cura il giardino di Santa Marta, le cucine popolari, la comunità islamica di Bologna”.
LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO QUI

19366559_1371895126227564_2197139033137044991_n